Interstellar (2014)

Nello sfondo di un futuro apocalittico,dove vengono a mancare i mezzi primari di sostentamento, quasi tutti i cittadini del mondo si impegnano nell’agricoltura per tentare di restare in vita. Viene abbandonata la scienza, a scuola ormai vengono insegnate solo le materie inerenti l’agricoltura e l’accesso agli studi superiori è solo per pochi eletti. Colui che soffre di più questa situazione è il protagonista Cooper, ex pilota dell’aeronautica, stanco di dovere lottare giornalmente per la sopravvivenza, stanco di vedere soffrire i propri familiari in una vita fatta di stenti,stanco di doversi applicare all’agricoltura quando le sue più grandi passioni sono la scienza e il volo. Venendo a conoscenza,in maniera del tutto misteriosa,di alcune coordinate geografiche, Cooper scopre con grande clamore che la NASA opera ancora, che quindi la scienza non è stata abbandonata e,anzi, viene applicata per andare alla ricerca di un nuovo mondo capace di ospitare gli abitanti della terra,visto il declino ormai inesorabile del pianeta. Cooper sembra essere proprio l’elemento mancante di questo viaggio,in quanto pilota esperto,quindi si unisce alla squadra nonostante le insistenze della figlia a rimanere con lei. Il viaggio sarà pieno di pericoli e sorprese,tra oscillazioni spazio-temporali e l’inseguimento di un sentimento forte come l’amore, nei confronti di colui che è partito diversi anni fa,che sopravvive ancora e che forse và al di là di ogni calcolo matematico o principio scientifico. Cooper dovrà affrontare una avventura molto pericolosa,che gli consentirà alla fine di essere il padrone del proprio destino.

Ennesimo capolavoro del maestro Nolan, che probabilmente meritava qualcosa in più di un “solo” premio Oscar per i migliori effetti speciali. Il film si segue con grande interesse se non ci si perde eccessivamente su tutti i principi scientifici in esso contenuti. La sorpresa più grande è stata sicuramente la performance di Matthew Mcconaughey, che si scrolla finalmente di dosso l’etichetta di attore da commedie,e si tuffa a capofitto in una parte non semplice. Cooper infatti è un personaggio attraversato da diverse emozioni,rabbia per la situazione compromessa,preoccupazione per il futuro dei figli e voglia di fare qualcosa per garantire loro un futuro migliore. Tutti questi sentimenti sconvolgono Cooper allo stesso tempo quando, tornando sulla navicella dopo l’inutile esplorazione di  un pianeta, a causa della gravità del buco nero ogni ora trascorsa su quel pianeta equivale a sette anni sulla terra, quindi Cooper si ritrova accumulati diversi videomessaggi dei figli che in quell’arco di tempo sono cresciuti, si sono fatti una famiglia e hanno perso il nonno che li accudiva dopo la sua partenza. In quel momento Cooper viene investito da un turbinio di emozioni causate dall’aver perso tutti quegli eventi importanti,e che vengono espresse molto bene da Matthew. Alla fine Cooper viene guidato dall’amore nei confronti di sua figlia,che viaggia indisturbato nello spazio-tempo,senza obbedire a nessuna legge o regola scientifica. Forse l’insegnamento è proprio questo.

Il bello di Nolan è che da un lato si affida sempre agli stessi attori (Michael Caine, Annah Heathway per quanto riguarda proprio questa pellicola) e inoltre ne inserisce di nuovi che si amalgamano sempre molto bene con il resto. Per non parlare delle musiche di Hans Zimmer,già Oscar nel 95′, che ha composto le colonne sonore più belle dei film più belli, e che sono sicuro continuerà a comporre. E’ impressionante se si pensa alla versatilità di Nolan come regista,riesce a trattare le tematiche più disparate(non per nulla ha una categoria apposita sul mio blog). Quì si è impegnato in un film fantascientifico molto difficile, e come suo solito è risultato meno fanta e molto scientifico,molto realistico.

Che dire come al solito il regista ha rispettato di gran lunga le aspettative.

Voi cosa ne pensate?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...